jeudi 28 mars 2013

Nelle scarpe di... Style begins at Forty

Curiosi di sapere chi è l'invité mystere di questo nostro primo appuntamento?
Io e Gioiuzza abbiamo scelto Silvia di StylebeginsatForty.
Perché Silvia? perché Silvia ha classe e un gusto impeccabile, perché ha viaggiato tanto, ma soprattutto perché è una Donna con la d maiuscola. Qualità assai rara.
Allora, siete pronti per sentire cosa ci racconta?

Mini: Ciao Silvia.
Silvia: Ciao Minichic, grazie per avermi invitato sul tuo blog! 

Mini: Parlami un po' di te.
Silvia: Quando mi fanno questa domanda sono sempre un po' imbarazzata, non so perché, comunque provo a risponderti: mi chiamo Silvia e sono innanzi tutto una mamma, i miei “petits” sono oramai grandi purtroppo, una ha addirittura già lasciato il “nido” (Ah se si potesse fermare il tempo!).
Sono una giramondo e a causa del lavoro di mio marito ho vissuto in molte città diverse. Ho passato molti anni in Brasile dove ho lavorato come “cool hunter”, ora però vivo in Italia dove tra una traduzione e l'altra mi occupo di consulenza di immagine.

Mini: Presentaci brevemente il tuo blog.
Silvia: Il mio blog, nato lo scorso anno, si chiama Style begins at Forty. L'idea iniziale era di fare un blog focalizzato su un pubblico di over 40, col passare del tempo però mi sono resa conto che è un blog sicuramente scritto da una over 40 ma che i miei lettori in realtà sono persone di ogni età, anche e fondamentalmente perché lo stile non ha limiti d'età.
Nel blog ci sono mie riflessioni sulla moda, segnalazioni di negozi o ristoranti che mi colpiscono quando viaggio e descrizioni di alcuni aspetti del mio lavoro di consulente, soprattutto quelli relativi all'analisi dei colori.

Mini: Tu sei anche consulente d'immagine. Come mi vestiresti
- per un pic-nic al parco
Silvia: La parola d'ordine è “rotolarsi sull'erba” e quindi ti vedrei con un pantalone a salopette a righe o a quadretti vichy col fondo arrotolato, una maglietta col collettino rotondo e delle scarpette di tela tipo Converse oppure se fa ancora freddo jeans, camiciona a fiori (con sotto una t-shirt a manica lunga), gilet di maglia coi bordi di pelo e indianini con le frange.
- per una festa di compleanno
Silvia: La parola d'ordine qui è “giocare e scatenarsi” e quindi sceglierei una comoda gonnellina corta a balze volendo anche di pizzo, felpa lunga, collant pesanti e mary jane.
- per un pomeriggio di shopping
Silvia: La parola d'ordine in questa occasione è “non far sfigurare maman” (Silvia, ma è Maman che rischia di farmi sfigurare, con quelle sue converse a buchi, comunque continuiamo...) e quindi ti metterei un vestitino a righe marinière fatto come una lunga maglia, collant pesanti, converse e sopra un parka.
Mini: Le scarpe di cui non puoi fare a meno?
R: In questo periodo impazzisco per i lace-up sandals di Tom Ford non solo nella versione originale ma anche in quella low cost (che ho io), sono così versatili! Rendono attuali i tubini più classici e stanno benissimo con ogni foggia di jeans dai boyfriend agli skinny.
Mini: L'ultimo libro letto?
R: Fai bei sogni di Massimo 
Gramellini
Mini: Il viaggio che hai amato di più?
R: Li ho amati tutti, mi piace molto viaggiare, però quello che mi ha entusiasmato di più è stato quello in Rio Grande do Sul, all'estremo sud del Brasile, anni fa con i bambini piccoli. I leoni di mare, gli accampamenti di indiani Tupi-Guarani, i resti delle antiche missioni, i rigogliosi vigneti, i gauchos, le pampas, i canyon, la luce bianca e accecante e quell'aria rarefatta tutto intorno ci hanno davvero emozionato.

Mini: E per concludere facciamo il gioco del se fossi..., saresti...
- se fossi un colore sarei il rosa
- se fossi un mese o stagione sarei la primavera
- se fossi un oggetto sarei un caleidoscopio
- se fossi una città sarei New York
se fossi un fiore sarei una mimosa
- se fossi un animale sarei una pantera
- se fossi una canzone sarei Seven Days in Sunny June dei Jamiroquai
- se fossi un gelato avrei gusto di liquirizia

Mini: Grazie Silvia :-)

E voi, conoscevate già Silvia?

1 commentaire:

  1. Mini sei bravissima! ora corro a conoscere Silvia. ciaooooooooooo

    RépondreSupprimer